Caol Ila 2002 (50.7%, V&M, 2016)

A couple of years ago I visited the beautiful Rome Whisky Festival, and after annoying at length Davide Romano, I decided to get one bottle of this nice Caol Ila. Bottled in 2016 after 14 years spent in an ex-sherry hogshead (number 16-242), it comes with one of those amazing boxes that make the Valinch & Mallet bottlings so cool also from a totally unnecessary aesthetic point of view. The Valinchs (or the Mallets? The Valinchandmallets?) bottled 322 of these beauties, and I’ve almost finished mine. How did it taste? Well, just keep reading, my imaginary friend!

Continue reading
Advertisements
Posted in Caol Ila | Leave a comment

Un mini tasting giapponese

P_20190223_152135_LL-01

After spending a nice Saturday morning climbing, I decided I deserved a treat and I took a stroll in the center of Paris to visit my favourite ramen shop. And what do you know… on my way there I took my sweet time to stare at the amazing collections on display at La Maison du Whisky in Rue d’Anjou 20. Completely randomly, I happened to be there exactly by the time when the Maison was offering a free tasting of two recent Japanese gems: Shinshu Mars Komagatake and Chichibu The Peated!

I felt luckier than Gladstone Gander, and not really believing my timing, I buckled up for this amazing tasting of the products of two small Japanese distilleries! And we started with a whisky from Nagano Prefecture, the new limited edition of…

Shinshu Mars Komagatake (48%, OB, 2018) Matured in ex-bourbon casks and bottled at 48%, it’s a limited edition of this single malt, with about 10000 bottles produced. Nose: There is a kaijū breathing malt and vanilla instead of fire or nuclear blasts here! Really classy and… classic I’d say. And I mean it in the best possible way. Clean and expressive, with some alcohol punching different tropical fruits (bananas and mangos) hard in the face. Caramel then, very sweet, maybe a bit simple, but definitely very good. Taste: Immediately it wraps my palate with some alcoholic tentacles, but luckily there is a sweet banana here that frees me from the monster. And now a truck unloads in my mouth tons of apples (dried apples maybe?). I really like it, it’s so very equilibrate and drinkable. And spicy, too! Finish: The aftertaste is not too long maybe, but it’s sweet, clean, and very well done. So nice. Overall: The start of this mini-tasting was simply great: 85/100. Maybe not the most complex of the whiskies, but extremely well-balanced and enjoyable. I’d gladly drink a whole bottle of it, and maybe a bit too fast… but the price is, sadly, too high for me: you can find it around (but often above) the 100 euros mark.

And here it is, the highlight of the (early, sic) afternoon! From the distillery founded in 2004 by Ichiro Akuto comes the famed…

Chichibu The Peated (55.5%, OB, 2018) Bottled for the 10th anniversary of the first Chichibu bottling, it’s a mix of 5-9 years old malts matured in ex-bourbon casks. The distillery produced 11550 bottles of this beauty… Oh, I’m dying to try it! Nose: Some very angry peat embroiled in a deadly dance with some very young malt. Salt, vanilla, white pepper! There is quite something going on here, and it’s worthy to give it time to open. Very briny, with wood smoke and dried grass, almost like hay. It’s also kind of nutty, or at least it seems nutty to my nutty nose (Jesus, Fabio…). Taste: It immediately tickles my palate with some delicate peat. It’s very nice, very interesting, very good. Salt and pepper, lemon and ginger, caramel and peat smoke. It’s also a bit mineral, but still very well-balanced and with a subtle vanilla floating around you like a bourbon ghost. Who you gonna call? No one, absolutely no one! Finish: Dry and long, with pepper, apples and a delicate and sweet peat lingering for what it seems like an eternity. At least until you’re not covering it with some fat ramen… Overall: Long story short. it’s awesome: 92/100. There was a lot of hype around this bottle, and from my point of view it was absolutely justified. It’s young, true, but it’s simply very very tasty, and more complex than I thought, too. The issue? Well, the price: around 250 euros (imagine a super sad emoji here).

Posted in Chichibu, Mars Shinshu | Leave a comment

Una masterclass da Antichi Leoni (degli Spiriti)

P_20181110_155933_LL-01Al recente Milano Whisky Festival ho deciso di partecipare a una Signora Masterclass organizzata dal grande Max Righi: la massiccia e decisiva Max’s Choice. Il tasting si prospettava una bella scampagnata nel mondo di Antique Lions of Spirits (ALOS), una collaborazione di tre signori imbottigliatori e selezionatori di malto. Si parla ovviamente del già citato Max Righi (Silver Seal), Diego Sandrin (Lion’s Whisky) e del tedesco Jens Drewitz (Sansibar Whisky): tre bei personaggioni che, come ci ha raccontato Max all’inizio della degustazione, si sono messi d’accordo per acquistare alcuni barilazzi superpiù! A differenza di Terence Hill, questi non barili non danno sganascioni ma promettono una libidine più godereccia di un buffet a un matrimonio indiano. In questa degustazione abbiamo sbevazzato ben 5 delle ultime uscite degli ALOS. E io, per condividere questa degustazione con voi, miei cari lettori immaginari, sono riuscito a riempire anche delle bottigliette di 4 whiskettini. Purtroppo mi son perso per strada uno stupendo Clynelish 1997-2018, vi dovrete accontentare degli altri quattro mostriciattoli qua… Continue reading

Posted in Glenrothes, Octomore, Springbank, Undisclosed distillery | Leave a comment

A Tasting of Ice and Fire: A review of ALL Game of Thrones Whiskies

In this early 2019 Diageo decided to ride along a Dothraki horde the incredible hype for the launch of the last season of Game of Thrones releasing a limited series of whiskies dedicated to the Great Houses of Westeros. And the Night’s Watch, because why not.

Continue reading

Posted in Cardhu, Clynelish, Dalwhinnie, Glendullan, Lagavulin, Oban, Royal Lochnagar, Talisker | Leave a comment

Highland Park Masterclass con Nicola Riske

P_20190313_192206_LL-01Per la prima volta mi son deciso a partecipare a una Masterclass organizzata da The Whisky Shop qui a Parigi… e che masterclass è stata! La distilleria in esame era Highland Park, uno dei miei primi amori nel mondo whiskettaro: avevo infatti visitato la distilleria durante il mio viaggio in Scozia (e sulle Orcadi) nell’ormai lontano 2014. E chi c’è a dirigere la degustazione? L’ottima Nicola Riske, brand ambassador per HP, appunto, ma anche Macallan e Glenrothes! È la prima volta che assisto a una sua degustazione e davvero ne vale la pena. Nicola cerca decisamente il dialogo con i partecipanti, evitando di imporre le sue impressioni… insomma, davvero un’ esperienza superinteressante! E i whiskettini? Eccoveli qui, secondo i miei appunti scribacchiati in piedi cercando di non versare tutto il whiskettino sul pavimento.  Continue reading

Posted in Highland Park | 2 Comments

Inganess Bay 2000 (52.7%, MB, 2018)

P_20190319_220438_LL-01

NEW! English version HERE!

Maltbarn, la casa di imbottigliatori indipendenti del nord della Germania guidati da quel teutonico cavaliere senza macchia e con molto malto che è Martin Diekmann, ha recentemente imbottigliato questo diciottene whiskettino proveniente dalle Orcadi. Non conosciamo purtroppo la distilleria, ma sulle Orcadi ce ne sono solo due e questo qui non viene da Scapa, dicono. Distillato nel 2000 e imbottigliato dopo aver passato 18 anni in una botte ex-bourbon, porta il nome della grande baia di fronte all’aeroporto di Kirkwall. È un single cask di bella presenza che garantisce bevute prepotenti, ed è ascoltando queste invitanti promesse che in collaborazione col mio amico calabro-bavarese Francesco acquistai un po’ follemente questa bottiglia (e anche questa, giusto per completezza). Abbiam fatto un affare o una aborme vaccata moderata stupidaggine? Continue reading

Posted in Undisclosed distillery | 2 Comments

Glendronach 15 Revival: Old vs New

P_20190301_211246_LL-01

Il Glendronach 15 Revival è stato per qualche periodo una delle più grasse godurie a prezzo contenuto per gli amanti di whiskettini invecchiati in sherry. Grande fu lo scoramento della Gilda Spaziale e dell’Impero tutto quando la distilleria delle Highland decise di chiudere i rubinetti di questa spezia maltata, e molti corsero ai ripari conducendo raid impropri tra mille negozi e rivenditori, facendo piazza pulita delle bottiglie per fini beverini e, tragicamente, speculativi. Alla notizia che la distilleria avrebbe re-introdotto una versione moderna di questa sherry bomb ormai divenuta fossile fece venire un colpo al cuore agli appassionati come quando J. J. Abrahams annunciò Episodio VII. Ma sarà all’altezza dell’originale, si chiedevano in molti? Sarà vera gloria o solo una trovata commerciale acchiappapolli? A me l’ardua sentenza!

Continue reading

Posted in Glendronach | Leave a comment

I 10 migliori whisky torbati – sotto i 50 euro

 

p_20190309_153614-01-e1552145415573.jpeg

Judge Death prende il posto di Judge Dredd per questa rubrica fumosa.

Torna una delle rubriche meno richieste e più arroganti di A Song of Ice and Whisky: oggi vi propongo infatti la listazza dei 10 migliori whisky torbati sotto i 50 euro! In questo caso il Vostro affezionatissimo si rimette il caschetto da Giudice e, chiedendo aiuto al più orripilante sbirro di Mega-City One, si infila in un tortuoso percorso affumicato, ricco torba e di mostri mutanti delle paludi scozzesi. Il Giudice Dredd non ama i discorsi fumosi e così chi ho al mio fianco in questa avventura è l’amabile Judge Death. L’immagine che potete ammirare qui sopra lo ritrae in un momento di relax, mentre si reca a fare il bagno a Bibione.  Continue reading

Posted in Giudizi irritanti | Leave a comment

Dalmore King Alexander III (40%, OB, 2012)

P_20190217_211852_LL-01Oggi mi sento senza alcun motivo di umore regale, e che c’è di meglio di un whiskettino dedicato a un re vero per coronare questa giornata? Dalmore King Alexander III è un’edizione speciale della distilleria che ha quell’istrione di Richard Patterson come master distiller. Il buon signor Alessandro III MacAlexander (o Alaxandair III Mac Alaxandair) fu bellamente re di Scozia nel XIII secolo, Tra una riconquista dell’Isola di Mann e l’altra, il buon Re Alessandro fu salvato da Colin di Kintail dalla furia di un enorme cervo incazzato durante una partita di caccia (e vorrei vedere voi come reagireste, se un Re Alessandro III qualunque tentasse di farvi la pelle). Dopo questo episodio il re concesse al Clan Mackenzie di usare il simbolo del cervo dalle corna a dodici punte come simbolo della casata. Furono proprio i discendenti questo Clan ad acquistare nella seconda metà dell’Ottocento la distilleria (oggi di proprietà di Whyte & Mackay), e ad adornare con questo cervaccio tutte le bottiglie di The Dalmore. Proprio in ricordo di questo fiabesco episodio è stata fatta questa edizione speciale, una delle più pregiate nel variegato core range di The Dalmore. Questa bottiglia è infatti l’elaborato frutto di ben sei cask finish: malti di età differenti maturati in botti ex-vino, ex-Madeira, ex-sherry, ex-Marsala, ex-porto ed ex-bourbon. E boja fauss, come esclamerebbe a questo punto Re Alexander! Continue reading

Posted in Dalmore | Leave a comment

Un tasting con Grant Macpherson

P_20190218_205349_LL-01Che io sia un fanboy della peggior specie delle distillerie di Campbeltown che non sono Glen Scotia è ormai cosa nota. Ergo, quando sul sito della distilleria hanno lanciato la bomba che Grant Macpherson, sales manager di Springbank per il Regno Unito, era stato spedito in giro nelle terre d’Oltralpe (Oltralpe per noi italici, dico) ho importunato un po’ tutti per capire i suoi spostamenti e riuscire ad andare a una sua degustazione. Dopo aver rotto le scatole a ufficio marketing, pagina Facebook ufficiale e persino perfetti sconosciuti che avevano come unica colpa l’aver creato un gruppo per questo “France Tour”, sono riuscito a rintracciare il povero Grant che mi ha detto che avrebbe tenuto una degustazione quella sera stessa in una enoteca alla Défense, l’Apogé. Come negarmi dunque la possibilità di bere dei whiskettini il lunedì sera?? Mi fiondo come un segugio e, dopo una breve introduzione sulla storia di Springbank e Kilkerran, si parte decisamente col programma beverino! Continue reading

Posted in Giudizi irritanti, Kilkerran, Longrow, Springbank | 1 Comment