Blair Athol 1988 (57.3%, LMDW, 2014)

blairathollmdw-001
Blair Athol d’artista. L’immagine a sx, come al solito, da whiskybase.

Qualche tempo fa avevo recensito un altro Blair Athol e caso volle che fosse anch’esso un simpatico (Tony) Blair Athol dell’88. L’esemplare che ho oggi sottocchio è stato invece imbottigliato dalla Maison du Whisky, il grande negozio di (guarda un po’) whisky della capitale francese nel 2014. Fa parte della quarta edizione linea di imbottigliamenti “Artist“, oggi giunta alla sesta edizione. È una linea molto bella, con un’etichetta scarna ed essenziale sul fronte e un dipinto sul retro di un artista emergente. Ora, io ho la sensibilità artistica di Catone il Censore, ma persino a me questi imbottigliamenti piacciono molto. Se poi, all’interno della bella bottiglia, ci troviamo anche dell’ottimo malto e non del sale o del cavolo (per stare su due robe amatissime dal caro Marco Porcio), è ancora meglio. In questo caso il Tony Blair è stato invecchiato in un barile ex-sherry (second fill – numero 6857), da cui sono state tratte 459 lussuriose bottiglie. Questo è il secondo batch, il primo aveva invece subito un invecchiamento in botti pure ex-sherry, ma first fill: io quello non l’ho assaggiato, se qualcuno lo conosce, si faccia avanti.

Continue reading “Blair Athol 1988 (57.3%, LMDW, 2014)”

Blair Athol 1988 (46%, vW, 2015)

Blair Athol 1988 (46%, vW, 2015)

BlairAthol
Blair Athol 1988 di van Wees. A sx la bottiglia da Whiskybase.

Blair Athol è un’altra di quelle distillerie con un nome un po’ così e che appartiene a una multinazionale un po’ così (Diageo), che non fa molti imbottigliamenti ufficiali ma che brilla piuttosto negli imbottigliamenti indipendenti. Uno di questi è quello che presento oggi, imbottigliato da quei tulipani dei van Wees nella loro linea Ultimate. Due parole però (proprio due), visto che è il mio primo Blair Athol qui, non ve le leva nessuno. Fondata sul finire dell’Ottocento, fu aperta, chiusa, riaperta, e richiusa un po’ di volte prima che la buona mamma Diageo la comprò in tempi recenti. La maggior parte della sua produzione va a finire nel Bell’s, un blend in cui vanno a finire anche Dufftown, Inchgower e apparentemente anche Glenkinchie e Caol Ila. Oggigiorno è “ampiamente” disponibile del Blair Athol solo un imbottigliamento OB di 12 anni che fa parte, manco a dirlo, della serie Flora & Fauna.

Continue reading “Blair Athol 1988 (46%, vW, 2015)”